Continua questa prima ondata di calore dell’estate 2021, con il picco del caldo che si verificherà tra mercoledì 23 e giovedì 24, al Sud e in Sicilia: le temperature massime continueranno localmente a superare la soglia dei 40 gradi, con picchi di 41-42 gradi specialmente nei settori interni e lontani dal mare. Questo caldo intenso, anomalo anche per la stagione estiva, è scatenato dalla presenza dell’Anticiclone Nord-Africano, che oramai occupa stabilmente la nostra Penisola.

Al Nord, invece, il caldo risulterà più contenuto, senza particolari eccessi, specie nelle regioni nord-occidentali. L’alta pressione, infatti, lascerà parzialmente scoperte le zone più settentrionali del Paese, dove si faranno in parte sentire gli effetti delle perturbazioni atlantiche in scorrimento al di là delle Alpi: nelle regioni settentrionali quindi non mancherà un po’ di instabilità, con temporali localmente anche di forte intensità.

Le previsioni meteo per mercoledì 23 giugno

Mattinata con cieli sereni o poco nuvolosi quasi ovunque, con qualche velatura in transito e locali annuvolamenti sul settore alpino. Nel pomeriggio temporaneo aumento delle nubi su rilievi del Nord ed estremo settore occidentale della Pianura Padana, con isolati temporali su zone alpine e Piemonte; sempre soleggiato altrove.

Temperature massime in generale stazionarie o in ulteriore leggero aumento: il caldo resta intenso soprattutto al Sud e in Sicilia, dove - sempre localmente - aumenterà il rischio di registrare picchi intorno ai 40 gradi; altrove temperature più contenute, ma comunque in un contesto climatico molto caldo. Venti in prevalenza deboli, mari calmi o poco mossi.

Le previsioni meteo per giovedì 24 giugno

Prevalenza di sole su buona parte del Paese; ancora una volta al Nord si osserveranno addensamenti nuvolosi in prossimità dei rilievi, con lo sviluppo pomeridiano di qualche rovescio o temporale, specie sul settore alpino centro-occidentale.

Ancora caldo molto intenso al Sud e in Sicilia, dove le temperature resteranno molto al di sopra della norma climatica, con picchi che potranno ancora raggiungere valori intorno ai 40 gradi.