Foto di meineresterampe da Pixabay 

Primo sciopero treni del 2022. L'8 gennaio, nel pieno dei rientri post vacanze di Natale o post ponte dell'Epifania, vi potranno essere diversi disagi per chi viaggia. Quali sono le fasce orarie in cui potrà mancare il servizio di trasporto su rotaia? Quali, invece, quelle in cui i servizi saranno comunque garantiti nonostante lo sciopero? Ecco tutte le notizie utili per chi si dovrà spostare durante questo fine settimana per rientrare a casa dopo una breve vacanza in montagna o dopo aver passato il Natale con amici e parenti.

Sciopero treni 8 gennaio 2022: durata e fasce orarie garantite

Primo sciopero del nuovo anno e primi disagi per chi viaggia soprattutto dopo il ponte dell'Epifania. Sabato 8 gennaio 2022, dalle 9:00 alle 17:00, i sindacati Or.S.A. e UGL hanno proclamato uno sciopero dei dipendenti Trenitalia, che potrà comportare riduzioni dell’offerta ferroviaria ordinaria sull’intero territorio nazionale.

Rimangono garantiti i treni Intercity e il trasporto regionale della Liguria. Lo sciopero nazionale potrebbe però avere anche qualche ripercussione sull'unica regione italiana dove i servizi rimarranno garantiti per l'intera giornata.

Oltre a loro garantite alcune corse nazionali elencate nelle apposite tabelle dei treni pubblicate sul sito di Trenitalia.

Siccome lo sciopero treni dell'8 gennaio 2022 inizierà alle 9 e terminerà alle 17 e pertanto si terrà fuori dalle fasce orarie di maggiore mobilità ovvero quella dalle 6 alle 9 del mattino e quella dalle 18 alle 21 di sera, non sono invece previsti, per il trasporto regionale, servizi minimi garantiti.

Ai viaggiatori viene raccomandato di mettersi in cammino solo dopo aver consultato i canali ufficiali o ver contattato il numero verde di Trenitalia per sapere se il proprio treno è stato cancellato oppure no. Lo sciopero potrà comportare modifiche al servizio, anche prima dell’inizio e dopo la sua conclusione. Per i  treni che si trovano in viaggio a sciopero iniziato varranno le solite regole. Tutti i convogli arrivano comunque alla destinazione finale se è raggiungibile entro un'ora dall'inizio dell'agitazione sindacale. Trascorso tale periodo, invece, i treni potranno fermarsi in stazioni precedenti la destinazione finale.

Sciopero bus, tram e metro: lo stop del 14 gennaio 2022

Con lo sciopero treni dell'8 gennaio 2022 prenderà il via un nuovo anno di stop. A creare nuovamente disagi per chi dovrà spostarsi, ma questa volta causando, forse, più problemi ai lavoratori, sarà lo sciopero del 14 gennaio 2022 di bus, tram e metro.

Per venerdì i sindacati dei trasporti hanno proclamato uno sciopero di 4 ore del trasporto pubblico locale. A fermarsi saranno soprattutto: bus, metro e tram.

Lo stop avrà modalità diverse. Le aziende di trasporto locali stanno provvedendo a comunicare progressivamente le loro decisioni.

A Napoli, ad esempio, lo sciopero del 14 gennaio 2022 prenderà il via alle 9 e terminerà alle 13 coinvolgendo la metropolitana Linea 1, le funicolari e i bus.

A Roma, invece, dalle 8,30 alle 12,30 saranno a rischio: metro, tram e treni. Si fermeranno cioè le linee Atac, quelle di Roma Tpl e Cotral, ma anche Roma Servizi per la mobilità.

A Bologna Tper incrocerà le braccia dalle 12 alle 16. Per i bus urbani, suburbani ed extraurbani del bacino di Bologna saranno garantite solamente le corse dal capolinea centrale verso periferia, e viceversa, con orario di partenza fino alle ore 11.45. Per le linee urbane di Imola verranno garantite tutte le corse complete in partenza dalla stazione ferroviaria, o dall'autostazione, fino alle ore 11.50. Per i mezzi urbani, extraurbani e del servizio Taxibus di Ferrara saranno garantite solamente le corse dai capilinea periferici, centrali e intermedi con orario di partenza fino alle ore 11.45.