Il caldo ha avvicinato le blatte alle nostre case e in molti sono stati costretti a ricorrere a una disinfestazione, ma qual è il motivo per cui questi insetti invadono le nostre abitazione? Cerchiamo di capire di più sul loro comportamento e su quale deve essere il nostro.

Blatte, che cosa sono e dove si trovano?

Vi è mai capitato, in piena notte, di accendere la luce e sentire (e vedere) un "fuggi fuggi" di insetti? Beh, se vi trovate in questa situazione sappiate che l'invasione di blatte nella vostra casa è già in uno stadio molto avanzato e occorreranno interventi anche drastici per liberartene. Ma prima ancora di estirpare il problema andiamo alla radice: cosa sono e perché vengono le blatte?

In Italia, però, ne esistono ben 4 tipi: la Orientalis, la Germanica, la Supella longipalpa e la Periplaneta americana. Ognuna di queste ha caratteristiche e gusti diversi: la blatta Orientalis, ad esempio, si insedia nelle reti fognarie ed arriva nelle nostre case attraverso le intercapedini; la Germanica invece predilige aree domestiche come bagno, cucina e lavanderia; la Supella longipalpa è nota anche come "blatta dei mobili" e il nome spiega bene quali siano i luoghi da lei predileggi, mentre la Periplaneta americana preferisce posti umidi e bui come fogne, bagni, scantinati.

Ognuna dunque ha delle caratteristiche e preferisce alcuni luoghi ad altre, ma tutte hanno un grande spirito di adattamento e - indipendentemente dalla categoria di appartenenza - si possono trovare in qualunque angolo della nostra casa. Inoltre si riproducono molto rapidamente, favorendo in questo modo l'inizio di un'invasione senza che noi ce ne accorgiamo.

Le nostre abitazioni sono il luogo ideale per loro che, da amanti degli ambienti caldo-umidi, trovano ristoro tra le nostre mura specialmente in una stagione come l'estate. Ma, al di là della stagione, sono attratte anche dal calore degli elettrodomestici e per questo non è impossibile ritrovarsele in casa anche quando fa più freddo, grazie sempre alle loro spiccate capacità di adattamento. Solo a una cosa non sanno adattarsi: la luce. Le blatte la detestano e cercano di fuggire sempre da essa, ecco perché se si accende la lampadina possiamo vederle scappare via a nascondersi.

Perché le blatte invadono casa?

Veniamo al punto principale: cosa spinge le blatte a invadere la nostra abitazione? Sappiamo che vengono attratte da ogni luogo che contenga cibo, per cui non è raro trovarle anche negli ambienti di aziende e ospedali, ma i motivi che portano a una vera invasione sono di più. Il primo da non sottovalutare affatto è la scarsa igiene del locale: le blatte mangiano di tutto, anche gli scarti, le briciole che cadono a terra o che si perdono dietro i mobili, sul fondo degli scaffali o nei sifoni di scarico.

Un ambiente trascurato è un costante invito a cena per gli scarafaggi. Ma spesso, nonostante la pulizia, possiamo ritrovarci ugualmente la casa piena di blatte dopo aver effettuato dei lavori di ristrutturazione. Non è raro, anzi è molto comune che gli operai, smuovendo involontariamente qualche elemento in prossimità di un loro nido, le abbia indotte alla fuga e queste abbiano trovato ristoro da noi.

Non solo, anche portando in casa dei cartoni di generi alimentari possiamo favorire l'ingresso delle blatte. Gli insetti infatti nidificano spesso nel cartone, specie se questo era conservato in un magazzino sporco o poco curato; così, una volta portato in casa o nel  nostro locale, le uova si schiudono e le blatte ci invadono. Altre volte può capitare che infestino la casa di un nostro vicino e, attraverso un piccolo foro, riescano a penetrare anche da noi.

Ricordiamo sempre che gli scarafaggi risalgono i tombini e le intercapedini dei muri e, partendo dalle fognature, giungono fino ai nostri ambienti infilandosi dappertutto. Alcune specie infatti, grazie a delle "ventose" sulle zampe possono arrampicarsi anche su pareti verticali completamente lisce e il consiglio è, specialmente durante la notte, quello di non togliere i tappi dai lavandini o dalle docce così da evitare una via di comunicazione tra l'esterno e l'interno.

Come difendersi dai pericoli delle blatte

Quando gli scarafaggi entrano in contatto col cibo, lo contaminano trasmettendo malattie come epatite, tubercolosi, gastroenterite, influenze gastro intestinali, salmonellosi, allergie, dissenterie e tifo. Mettono inoltre particolarmente a rischio alcune categorie di persone come i bambini, gli anziani e le donne in gravidanza. Evitare che questi insetti invadano le nostre case è essenziale se si vuole vivere serenamente, ma quali sono i metodi più efficaci per eliminare le blatte? Esistono diversi rimedi casalinghi, ma non risultano particolarmente validi.

Alcuni si affidano a particolari trappole che però, per quanto efficaci, comportano non pochi disagi poiché nell'area in cui vengono collocate si accumulano spesso escrementi o insetti morti, il che ci costringe a pulire con accuratezza la zona. In molti preferiscono gli insetticidi, ma nonostante siano effettivamente letali per gli scarafaggi, sono dannosi anche per l'uomo e per l'ambiente per via delle sostanze chimiche contenute al loro interno. La soluzione migliore, appena vediamo una blatta, è chiamare una ditta di disinfestazioni senza ricorrere a sistemi fai-da-te, poiché uccidere un insetto non equivale a risolvere il problema e quasi sicuramente ce ne sono molti altri che, in attesa di essere stanati, stanno contaminando il nostro cibo e la nostra casa.