Le condizioni meteo non subiranno modifiche di rilievo per tutto il resto della prossima settimana. L’alta pressione resterà ben salda non solo sul nostro Paese, ma su oltre mezza Europa, salvo un lieve e temporaneo indebolimento possibile tra giovedì e venerdì, ma senza conseguenze rilevanti dal punto di vista meteorologico. Si tratta di cedimento che mostra ancora alcuni margini di incertezza, pertanto andrà monitorato nei prossimi aggiornamenti.

Ci aspetta una settimana con tempo soleggiato e mite, ma non dappertutto

Nella giornata di martedì i cieli resteranno grigi a causa di nebbie o strati di nubi basse sulla Val Padana, sulle coste dell’Alto Adriatico e in Liguria. Di notte e al mattino le nebbie saranno presenti anche su pianure e valli di Toscana, Umbria e Marche. Per il resto tempo in prevalenza soleggiato, salvo qualche banco nuvoloso di modesta entità lungo le coste del medio e basso Adriatico, su Calabria e Sicilia, e il passaggio di nubi ad alta quota sulla Sardegna e sulle regioni settentrionali. Dal punto di vista climatico, proseguirà la fase mite, con temperature perlopiù al di sopra della norma in modo più sensibile nel settore alpino.

Ancora per diversi giorni, dunque, proseguirà il blocco alle perturbazioni atlantiche. Probabilmente almeno fino a metà novembre, tutto questo si tradurrà in: assenza di piogge significative, scarsa circolazione dei venti, accumulo di umidità e inquinanti negli strati più bassi dell’atmosfera, persistenza di foschie e nebbie, su pianure e valli del Centro-Nord.