Si sta aprendo per l'Italia una fase meteo dal sapore invernale: tra oggi e martedì il nostro Paese sarà infatti raggiunto da correnti fredde da origine polare, che nella seconda parte della settimana saranno sostituite da una massa d'aria ancora più gelida, proveniente dall'Artico.

Proprio nella seconda parte della settimana il freddo invernale raggiungerà l'apice, e secondo l'attuale tendenza meteo ci sarà anche il rischio di forte maltempo per lo sviluppo di nuove perturbazioni.

La tendenza meteo per i prossimi giorni

In diverse regioni le condizioni meteo saranno instabili anche nella giornata di martedì 16 marzo. La responsabile sarà la perturbazione numero 6 di marzo, che coinvolgerà in particolare il Sud, la Sicilia e le zone interne del Centro: attese nubi e precipitazioni sparse, con neve in Appennino fino a 900-1.300 metri circa. Al Nord, nelle Marche, in Toscana e sulle coste laziali il cielo sarà invece sereno o poco nuvoloso.

Proseguirà l'afflusso di correnti fredde di origine polare, e le temperature diminuiranno ulteriormente sulle regioni centrali adriatiche. Insisteranno venti intensi di Maestrale sulle Isole maggiori.

Per la parte centrale della settimana è attesa l'irruzione di aria ancora più fredda, che dall'Artico si spingerà verso il cuore dell'Europa riversandosi in parte anche sul bacino del Mediterraneo. La tendenza meteo a partire da mercoledì 17 marzo mostra un grado di incertezza ancora elevato, ma il contrasto dell'aria fredda con le acque più tiepide dei nostri mari favorirà probabilmente la formazione di un nuovo sistema perturbato. Secondo lo scenario che attualmente appare come più probabile, in termini di precipitazioni osserveremo effetti dapprima sulla Sardegna e poi, giovedì, sulle regioni meridionali.