Tempo in peggioramento martedì 5 gennaio per l’arrivo sull’Italia della perturbazione n.1 che farà sentire i suoi effetti portando piogge sparse al Nord, temporali nei versanti tirrenici, altre nevicate in Appennino e neve fino a quote collinari tra Piemonte e Liguria. Nella giornata dell’Epifania l’instabilità si sposterà gradualmente verso il Sud, con ancora qualche debole precipitazione nelle regioni centrali.

La tendenza per i giorni seguenti sembra confermare un miglioramento al Nord (ma con nebbie in pianura) successivamente anche al Centro, mentre al Sud potrebbe insistere qualche pioggia.

Previsioni meteo per martedì 5 gennaio

Maltempo con rovesci e temporali anche di forte intensità al mattino in Sardegna, Toscana e Lazio, dal pomeriggio in Campania. Piogge sparse in Liguria, bassa Lombardia, Emilia Romagna e al Nord-Est; piogge più isolate nelle regioni centrali adriatiche. Neve a bassa quota (300-400 m) in Piemonte e nell’entroterra ligure; nevicate in gran parte dell’Appennino, dai 600 m di quello tosco-emiliano, fino ai 1000 di quello campano, a tratti intense sui rilievi del Centro. In serata riprenderà a nevicare sulle Alpi orientali. Temperature massime in ulteriore lieve calo al Centro, in Campania e Sardegna. Venti in rinforzo su tutti i mari, anche forti di Libeccio al Centro-Sud e in Sicilia.

Previsioni meteo per mercoledì 6 gennaio, Epifania

L’Epifania vedrà tempo più stabile al Nord, con nubi compatte al mattino e qualche pioggia solo nell’estremo Levante Ligure e in Friuli Venezia Giulia. Dal pomeriggio nubi in attenuazione a partire dal Nord-Ovest e nebbia in formazione nella notte in pianura. Ancora un po’ di instabilità al Centro-Sud, tranne sul medio Adriatico e nelle zone ioniche. Piogge e rovesci saranno più insistenti in Campania, a carattere isolato altrove; quota neve intorno a 800 m nell’Appennino centrale, 1000-1200 m al Sud. Temperature massime in lieve rialzo al Centro-Sud, stabili altrove. Ventoso al Sud e in Sicilia.