L’Italia è alle prese con un’irruzione di aria artica di rilevante portata che ci ha fatto tornare indietro di 2 mesi. Se il Nord deve fare i conti con gelate tardive anche in pianura, il Centro-Sud sta vivendo fasi di maltempo di stampo invernale con nevicate in Appennino, fino a quote di bassa collina su quello centrale. Le temperature si attestano su valori ben al di sotto della norma, anche di 6-7 gradi. Inoltre il freddo fuori stagione è accentuato da una’intensa ventilazione settentrionale.

I primi giorni della nuova settimana saranno ancora caratterizzati da un clima invernale in tutta Italia e da una sostenuta ventilazione da nord tra l’alto Adriatico e le regioni centro-meridionali. Lunedì da segnalare ultime piogge e nevicate a bassa quota in Appennino sulle regioni del medio Adriatico e del Sud. In seguito, a partire da mercoledì, grazie al ritorno dell’alta pressione, avremo giornate stabili e per lo più soleggiate, con venti in attenuazione e un clima più mite grazie ad un graduale rialzo termico.

Previsioni meteo per lunedì 22 marzo

Lunedì cielo sereno o poco nuvoloso al Nord, Toscana, Umbria, Lazio e Sardegna. Nel resto d’Italia insisteranno molte nuvole con un cielo tra il parzialmente nuvoloso e il nuvoloso e con tempo a tratti instabile. Locali precipitazioni su Abruzzo, Molise e Puglia garganica, nevose fin verso 400-600 metri. Piogge sparse e intermittenti anche su Sicilia, Calabria, Puglia meridionale con neve sui rilievi oltre 700-900 metri. Temperature minime localmente sottozero al Nord e nelle aree appenniniche del Centro-Sud.

Temperature massime in lieve rialzo al Centro-nord e sulla Sardegna, stazionarie altrove; valori ancora al di sotto della norma, in modo più evidente al Centro-sud e sulle Isole dove inoltre il freddo sarà accentuato da una moderata o tesa ventilazione da nord. Mari: poco mosso il Mar Ligure, mossi o molto i restanti mari.

Previsioni meteo per martedì 23 marzo

Martedì tempo soleggiato al Nord, regioni tirreniche, Umbria e Sardegna con pochi e modesti annuvolamenti. Nuvolosità sparsa, a carattere variabile e irregolare nel resto d’Italia con residue precipitazioni tra Calabria e Sicilia, nevose oltre gli 800-900 metri.

Temperature senza grandi variazioni: minime ancora vicine allo zero al Nord e nelle aree appenniniche; massime per lo più comprese tra 10 e punte di 14-15 gradi. Venti settentrionali da moderati a localmente forti al Centro-Sud. Mari: poco mosso il Mar Ligure e il settore più settentrionale dell’Adriatico; mossi o molto mossi i restanti bacini fino ad agitato lo Ionio e il Canale di Sicilia.