Dopo un inizio innevato, nella parte centrale della settimana dell’Immacolata osserveremo uno scenario meteo più tranquillo sull’Italia. Ma la tregua sarà breve: durante il ponte dell'Immacolata, infatti, dovremo fare i conti con una nuova e intensa perturbazione che porterà maltempo praticamente ovunque, neve abbondante in montagna e nevicate possibili fino in pianura.

La tendenza meteo per mercoledì 6 dicembre e Sant'Ambrogio, giovedì 7

La perturbazione n.1 di dicembre si trasferirà sui Balcani sin dalle prime ore di mercoledì 6 dicembre, lasciando dietro di sé una breve fase di calma e di stabilità. In particolare, nella giornata di mercoledì il sole avrà la meglio al Nord e sulla Toscana; maggiore variabilità nel resto del Paese, con un’alternanza di annuvolamenti e schiarite anche ampie, ma senza precipitazioni. Soffieranno tesi venti di Maestrale sui mari attorno alla Penisola e sulle Isole maggiori, che manterranno i bacini mossi o molto mossi.

Giovedì 7 dicembre, giorno di Sant’Ambrogio, le condizioni meteo saranno complessivamente ancora buone ma con una tendenza, tra pomeriggio e sera, ad un aumento della nuvolosità sulle regioni di Nord-Ovest e sulla Sardegna. Saranno queste le prime avvisaglie di una intensa perturbazione in avvicinamento, la seconda del mese di dicembre.

La tendenza meteo per il Ponte dell'Immacolata, dall'8 dicembre

Secondo gli ultimi aggiornamenti meteo, alla perturbazione numero 2 del mese sarà associata una fase di marcato maltempo sull’Italia tra il venerdì dell’Immacolata, l’8 dicembre, e il sabato 9, con gli ultimi strascichi al Sud nella giornata di domenica.

Resta ovviamente ancora molta incertezza circa l’esatta traiettoria e le aree geografiche più pesantemente coinvolte, ma nessuna regione dovrebbe essere risparmiata.

Ad accentuare le criticità sarà una depressione collegata alla perturbazione - che dalle prime ore di venerdì tenderà ad approfondirsi in prossimità del mar Ligure per poi spostarsi verso sud-est -, che causerà una marcata intensificazione dei venti e del moto ondoso dei mari.

Oltre alle piogge diffuse, anche sotto forma di rovesci e locali temporali, si profila il ritorno della neve, abbondante su tutti i rilievi del Nord. Le nevicate potranno tornare a spingersi fino a quote molto basse e anche di pianura (nella prima parte di venerdì) nel settore di Nord-Ovest.

Dal punto di vista termico, al Nord il clima resterà invernale, tra alti e bassi al Centro-Sud: si profila infatti un calo termico a metà settimana, seguito da un rialzo, ma verso valori non troppo lontani dalla norma.