Nella giornata di sabato 25 novembre la perturbazione n.11, giunta nella notte di venerdì 24, si allontana favorendo così una tregua nella giornata di domenica 26 che si preannuncia dunque all'insegna del bel tempo su gran parte del Paese; da segnalare solo un po' di nuvolosità su Sardegna occidentale, Sicilia nord orientale e Puglia.

I forti venti di sabato tenderanno ad attenuarsi, rimanendo al più moderati di Maestrale sulla Sardegna, sulla Sicilia, sulla Puglia e sullo Ionio. Mari: mosso l'Adriatico, i mari del Sud e quelli intorno alle Isole maggiori.

A inizio settimana nuovo sensibile peggioramento del tempo con possibile ulteriore calo termico: la tendenza meteo

A inizio settimana, in particolare tra la fine di lunedì 27 e la giornata di martedì 28 novembre, in base ai dati attualmente a nostra disposizione, si profila l'arrivo di un'altra perturbazione atlantica (la n.12) su quasi tutta l'Italia che porterà di nuovo molte precipitazioni; neve sulle Alpi e in Piemonte, su quest'ultima fino a quote relativamente basse (500-700 metri). Venti occidentali in deciso rinforzo, soprattutto al Centro-Sud con raffiche burrascose.

Mercoledì 29 la perturbazione insisterà principalmente tra Emilia Romagna e parte del Centro-Sud, con nuove precipitazioni ma più deboli rispetto a martedì. A seguire, verso metà settimana, non si esclude l'afflusso di aria fredda e nuovo deciso calo delle temperature sull'Italia con valori tipicamente invernali.