Domenica la perturbazione n.4 di aprile porterà ancora piogge al Centro-Nord. Nel dettaglio nelle regioni del Centro-Nord sarà una giornata con cielo molto nuvoloso o coperto, con piogge sparse per lo più a carattere intermittente; quota neve sulle Alpi intorno a 1500-1800 metri. Fenomeni più diffusi e a tratti moderati al Nord e sul nord-ovest della Toscana; piogge invece più isolate e sporadiche nel resto del Centro. Nel nord della Sardegna nel pomeriggio saranno possibili rovesci o temporali. Soleggiato al Sud e in Sicilia anche se non mancherà un po’ di nuvolosità; le nubi saranno maggiormente presenti tra Campania e Puglia settentrionale.

Temperature in lieve crescita al Centro-Sud con valori fino a 18-20 gradi al Sud, in Sardegna e in Sicilia. Al Nord-Est lieve crescita dei valori minimi, in lieve calo le massime pomeridiane; senza grandi variazioni al Nord-Ovest. Venti di Scirocco in prevalenza deboli o moderati, fino a tesi nel Canale di Sicilia, nel Tirreno occidentale e nel Ligure orientale. Mari in prevalenza mossi,  fino a molto mossi il Canale di Sicilia, il Tirreno occidentale e settentrionale e il Mar Ligure.

Il maltempo proseguirà al Centro-Nord anche nella giornata di lunedì quando arriverà un’altra perturbazione atlantica, la n.5 di aprile. Le piogge saranno particolarmente diffuse e a tratti intense al Nord e nel nord della Toscana (quota neve sulle Alpi intono ai 1500-18000 in calo sui settori occidentali); fenomeni più isolati e sporadici nel resto del Centro e in Sardegna. Nelle regioni meridionali e in Sicilia la situazione rimarrà relativamente tranquilla, con un tempo parzialmente soleggiato e temperature miti con valori intorno ai 20 gradi.

Sarà un’altra giornata ventosa per venti in prevalenza di Scirocco, sulla Sardegna e nel Mar Ligure tenderanno a ruotare dai settori occidentali. Mari generalmente mossi.

Martedì anche al Centro-Nord assisteremo a delle schiarite ma in un contesto di tempo ancora instabile e clima più fresco con temperature in calo. La quota neve tenderà ad abbassarsi fino 1000 metri. Nei giorni successivi è probabile il ritorno dell’alta pressione che riporterà condizioni di tempo stabile e prevalentemente soleggiato accompagnato da un graduale rialzo delle temperature.