In questa terza domenica di novembre le condizioni meteo sono in miglioramento su gran parte dell'Italia, ma muovendosi verso il Nord Africa la circolazione ciclonica collegata alla perturbazione 4 del mese continua a influenzare il tempo nelle estreme regioni meridionali.
Nelle prossime ore resta massima l’allerta sulla Calabria ionica, esposta ancora al rischio di locali nubifragi.
All’inizio della prossima settimana la depressione porterà il proprio centro tra Tunisia e Libia, mentre sull’Italia si consoliderà l’alta pressione, destinata a tenerci compagnia almeno fino a venerdì 27. Fino a metà settimana l'estremo Sud resterà ai margini, andando ancora incontro a condizioni di instabilità atmosferica.
Dal punto di vista termico, archiviata l’irruzione fredda del fine settimana, si smorzerà l’intensa ventilazione settentrionale e nei prossimi giorni le temperature torneranno a salire, più che altro nei valori diurni, destinati a riportarsi nella norma o leggermente al di sopra. Il clima resterà freddo a inizio giornata, con il rischio di deboli gelate al Nord.

Previsioni meteo per domenica 22 novembre

Tempo per lo più soleggiato al Nord, al Centro, sulle coste campane e in Sardegna: nel corso della giornata tendenza al passaggio di velature al Nord, più estese dalla sera lungo le Alpi e all’estremo Nord-Est. Nuvolosità variabile nel resto del Sud e sulla Sicilia, con piogge o rovesci più probabili nell’est dell’isola, in Calabria e nel sud della Basilicata. Fenomeni inizialmente ancora molto abbondanti, con il rischio di locali nubifragi, nel nord-est della Calabria.
Temperature massime in lieve rialzo, ma con valori non oltre 13-14 gradi al Centro-Nord. Venti in attenuazione, soffieranno ancora intensi sulle regioni meridionali e sulle Isole, con raffiche fino a 60-70 Km/h. Qui i mari saranno di conseguenza molto mossi o agitati.

Previsioni meteo per lunedì 23 novembre

Condizioni meteo ancora instabili in Calabria e sulla Sicilia orientale, con alcune piogge, anche sotto forma di rovesci o isolati temporali, ancora una volta più insistenti nel settore ionico calabrese. Cielo irregolarmente nuvoloso su Basilicata e Puglia, con nubi in diradamento dal pomeriggio.
Per il resto tempo abbastanza soleggiato, anche se con il passaggio di nuvolosità alla media e alta quota: dapprima al Nord, poi anche su Toscana, Umbria e Marche. Clima freddo all’alba al Centro-Nord e in Sardegna, con valori minimi attorno allo zero, poco sotto al Nord dove saranno più probabili deboli gelate. Temperature massime stazionarie. Venti in evidente attenuazione, resteranno moderati o tesi orientali all’estremo Sud.