La quarta ondata di calore dell’estate si sarà particolarmente intensa e persistente. Anche questa volta il responsabile è l’Anticiclone nord-africano che nei prossimi giorni si consoliderà sul Mediterraneo centrale, investendo con maggiore efficacia le regioni centro-meridionali, dove si raggiungeranno di nuovo temperature di 40 gradi e anche oltre, fino a sfiorare i 45 gradi, specie nelle Isole. Nella seconda parte della settimana l’alta pressione si sposterà verso il Mediterraneo occidentale estendendo, però, la sua influenza anche al Nord Italia; di conseguenza, mentre al meridione i picchi estremi subiranno un ridimensionamento, al Nord il caldo si farà più intenso con picchi  oltre i 35 gradi. L’ondata di calore proseguirà per tutta la settimana, compreso, probabilmente, il weekend di Ferragosto, con temperature massime ancora molto alte da nord a sud.

Previsioni meteo per lunedì 9 agosto

Lunedì giornata in prevalenza soleggiata, con maggiore presenza di nuvole sul settore alpino centro-orientale. Da segnalare solo il rischio di qualche temporale pomeridiano sulle Alpi orientali. Velature in transito in Sardegna, Sicilia e al Centro-Sud.

Caldo più intenso con picchi intorno ai 40 gradi al Sud e Isole; punte di 35-37 gradi sulle regioni centrali e in Emilia Romagna; sul resto del Nord valori più contenuti, in generale compresi tra 28 e 32 gradi. Venti deboli, con rinforzi di Scirocco fra le Isole. Localmente mossi i mari di ponente.

Previsioni meteo per martedì 10 agosto

Martedì prevalenza di sole e clima estremamente caldo al Centro-Sud e Isole. Al Centro-Nord e in Sardegna possibile transito di innocue velature. Nuvolosità a tratti più consistente sulle Alpi, ma senza precipitazioni di rilievo.

Temperature in aumento, con valori massimi localmente oltre i 40 gradi sulle regioni meridionali, con probabili picchi fino a 45 gradi sulle Isole Maggiori. Valori in aumento anche su regioni centrali ed Emilia Romagna con picchi oltre i 35 gradi. Caldo afoso al Nord, con le massime intorno ai 30 gradi. Venti deboli a regime di brezza, con locali rinforzi sui mari di ponente.