L'afflusso di correnti instabili continua a influenzare le condizioni meteo sull'Italia, che nella giornata di oggi - mercoledì 9 giugno - resta bersaglio di rovesci e temporali, più diffusi sui settori di montagna e probabili soprattutto nelle ore più calde del giorno.

Nonostante le condizioni meteo instabili le temperature rimangono nel complesso nella norma stagionale, con valori tipici della stagione estiva e punte massime intorno ai 27-29 gradi.

Anche nella seconda parte della settimana il nostro Paese resterà ai margini dell’Anticiclone, e in particolare fino a venerdì vivremo giornate ancora instabili, segnate dal passaggio di queste correnti settentrionali che favoriranno di nuovo lo sviluppo di temporali, anche se meno diffusi rispetto ai primi giorni della settimana.

Le previsioni meteo per mercoledì 9 giugno

Nella mattinata di oggi i cieli saranno sereni o solo parzialmente nuvolosi al Centro-Nord. È prevista invece una maggiore nuvolosità sulle regioni meridionali, dove nella prima parte della giornata saranno già possibili rovesci sparsi, più probabili su Puglia e Calabria. Da metà giornata temporali in sviluppo soprattutto sui settori di montagna (Alpi e Appennino centro-meridionale), con sconfinamenti verso le coste tirreniche, e su Calabria e Isole Maggiori.

Temperature massime in generale lieve aumento, per lo più comprese tra i 24 e i 29 gradi. Venti settentrionali, con rinforzi tra le Isole Maggiori e il Sud; in questi settori il mare risulterà mosso.

Le previsioni meteo per giovedì 10 giugno

Per domani si profila un risveglio per lo più soleggiato o poco nuvoloso, ma nel corso della giornata assisteremo allo sviluppo dei primi temporali sui rilievi del Nord-Est, sull'Appennino settentrionale e sui settori interni del Sud.
Le nubi aumenteranno progressivamente sulle aree montuose di tutto il Paese, dove si svilupperanno rovesci e temporali che potranno anche sconfinare verso le coste in Liguria, nel basso versante tirrenico e nelle Isole.

Clima ancora estivo, con punte vicine ai 30 gradi al Nord e sulle regioni tirreniche.