A partire da giovedì 7 gennaio e per diversi giorni  il maltempo concederà una prolungata fase di tregua in gran parte del Nord Italia.  Il miglioramento favorirà però la presenza di nebbie, specie nelle ore notturne e del primo mattino, e gelate diffuse anche in pianura; sulle regioni settentrionali infatti persisterà una massa d’aria piuttosto fredda. Altre perturbazioni raggiungeranno invece il Centro-Sud lambendo l’Emilia Romagna. Una prima perturbazione (la numero 2 del mese) proveniente dal Nord Africa già in queste ore porterà nuvole e un po’ di piogge in molte regioni al Centro-Sud.

Le temperature, grazie ai venti tiepidi che accompagneranno questa perturbazione, saliranno leggermente nonostante il maltempo che insisterà anche nella giornata di venerdì. Il maltempo proseguirà al Centro-Sud, con parziale coinvolgimento dell’Emilia Romagna, anche nel fine settimana, quando arriverà un’altra perturbazione (la numero 3 del mese).

Previsioni meteo per giovedì 7 gennaio

Giovedì bello e soleggiato su Alpi e Prealpi; ampie schiarite anche in Piemonte, nord Lombardi, Venezie, Sicilia e Calabria meridionale. Molte nuvole altrove: nel corso del giorno deboli piogge sparse su bassa Toscana, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia e Sardegna; qualche nevicata sull’Appennino laziale, abruzzese e molisano oltre 800-1300 metri. In queste prime ore del giorno un po’ di nebbie nel Nord-Est.
Temperature minime in calo al Nord con locali deboli gelate; massime in aumento al Sud e Isole, pressoché stazionarie altrove. Ventoso sulle Isole Maggiori, per venti di Libeccio sulla Sicilia, Scirocco sulla Sardegna.

Previsioni meteo per venerdì 8 gennaio

Venerdì bel tempo al Nordovest e Alpi Orientali, nuvole altrove: deboli piogge su Emilia, Romagna, regioni centrali, Campania, Sardegna, Gargano e, in serata, anche resto della Puglia; qualche nevicata fino a quote collinari sull’Appennino Settentrionale, oltre 700-1200 metri sull’Appennino Centrale. Qualche nebbia sulla Pianura Padana.
Temperature massime in crescita al Sud, in calo nelle regioni centrali.