Una nuova perturbazione (la numero 10 del mese) investirà le regioni del Nord tra la sera di domenica 27 e le prime ore di lunedì 28, con la neve che imbiancherà anche le aree di pianura; le nevicate potranno essere intense con accumuli significativi in diversi settori della Pianura Padana, al momento le zone maggiormente coinvolte sembrano essere i settori occidentali di Emilia e Lombardia.

Lunedì 28 dicembre il tempo andrà gradualmente migliorando al Nord-Ovest, dopo le nevicate cadute anche in pianura nella notte e fino all’alba. Il maltempo si sposterà nelle regioni centrali e in Sardegna con piogge e rovesci tranne sul versante Adriatico. Le nevicate insisteranno sulle Alpi orientali e a quote più elevate, oltre 700-1000 metri sull’Appennino emiliano. Maggiori schiarite sono previste al Sud, in particolare sulla Puglia e Calabria ionica, qualche pioggia isolata possibile sulle coste della Campania. Sarà una giornata fredda al Nord, le temperature saranno in rialzo al Centro-Sud per effetto di forti venti meridionali che soffieranno anche intensi, in particolare si segnalano raffiche molto forti sulla Sardegna, nel settore appenninico centrale e sull’alto Adriatico.

Martedì 29 qualche pioggia insisterà su Toscana, Umbria, Sardegna e in Campania; saranno ancora possibili deboli nevicate sulle Alpi orientali oltre gli 800 metri. Nuvolosità sparsa nel resto d’Italia con venti di Libeccio che insisteranno moderati o forti su tutti i mari. Per mercoledì si profila un ritorno di tempo stabile al Nord, mentre nubi e qualche pioggia potrebbero insistere sulle regioni tirreniche e in Sardegna.