La perturbazione giunta nel fine settimana ha indebolito l’alta pressione sul Nord Italia, che in questo inizio di settimana continuerà ad essere coinvolto da un flusso occidentale instabile di origine atlantico responsabile di nuovi temporali, soprattutto tra martedì e mercoledì quando in rapida successione dovrebbero transitare due distinte perturbazioni.

Al Centro-Sud il tempo sarà più soleggiato e stabile, anche se non mancheranno dei temporanei annuvolamenti, e con il caldo che continuerà ad essere molto intenso soprattutto nelle estreme regioni meridionali, in particolare tra Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. Al Nord invece le temperature si manterranno su valori di diversi gradi inferiori alla norma. Al Centro temperature  senza eccessi, in generale vicine alle medie stagionali.

Le previsioni meteo per lunedì 2 agosto

Quella di oggi sarà una giornata solo parzialmente soleggiata al Nord, con rischio di locali rovesci o temporali su Alpi, entroterra ligure, Emilia occidentale e Friuli Venezia Giulia; al mattino possibile qualche pioggia sulla Toscana nord-occidentale. Nel resto d’Italia prevalenza di cielo poco nuvoloso, al più parzialmente nuvoloso in Sardegna.

Temperature in calo su Adriatico e basso Tirreno; valori ancora oltre 35 gradi fino a sfiorare i 40 in Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia; al Nord valori sotto i 30 gradi.

Le previsioni meteo per martedì 3 agosto

L'arrivo di un sistema perturbato sarà responsabile domani dell'aumento di instabilità e rischio di piogge o temporali su regioni alpine, Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli. Nel resto dell'Italia il tempo sarà più stabile, ma con della nuvolosità in transito specie in Sardegna e regioni meridionali; possibili brevi e isolate piogge potranno svilupparsi anche tra basso Lazio, Abruzzo meridionale e Molise.

Temperature in ulteriore lieve calo nelle aree del Nord interessate dal peggioramento, con valori di diversi gradi inferiori alla norma;  caldo ancora intenso al Sud e in Sicilia. Venti moderati da est su Tirreno sud-occidentale e Canale di Sardegna.