La perturbazione numero 5 di marzo è arrivata sull’Italia, e tra domenica e lunedì influenzerà le condizioni meteo in molte regioni attraversando tutto il nostro territorio. In particolare, sarà responsabile di precipitazioni principalmente sulla barriera alpina, sul Nord-Est, al Centro-Sud e in Sardegna, e di una generale intensificazione dei venti (Maestrale al Centro-Sud e Föhn al Nord-Ovest).

Questo sistema perturbato aprirà la strada a correnti di aria fredda che saranno la causa di un colpo di coda invernale: il calo termico più intenso è previsto per metà settimana, con qualche gelata mattutina anche a quote di pianura al Nord.

Previsioni meteo per domenica 14 marzo

Tempo in prevalenza soleggiato al Nord-Ovest e, al mattino, anche lungo il basso Adriatico, su Calabria ionica e Sicilia. Cielo nuvoloso sulle restanti regioni, con alcune precipitazioni su Nord-Est, regioni centrali e Sardegna, in scivolamento dalla sera sulle regioni del Sud e in Sicilia. Situazione instabile: possibili rovesci o isolati temporali. Quota neve sull’Appennino centrale intorno a 1300-1600 metri; al mattino neve sulle Alpi orientali fin verso 800-1000 m di quota.
Temperature massime in calo al Nord e in Sardegna, clima ancora molto mite al Sud. Venti nord-occidentali in sensibile rinforzo e fino a burrascosi, con raffiche che da nord a sud potranno superare i 60-70 km orari. Mari di ponente fino a molto mosso o agitati.

Previsioni meteo per lunedì 15 marzo

Prevarrà il sole al Centro-Nord. Maggiore nuvolosità tra regioni centrali adriatiche, Sud, Sicilia e Sardegna; piogge e locali rovesci su Puglia, Calabria e Sicilia; nel pomeriggio qualche pioggia possibile in Sardegna. Nubi anche sulle Alpi di confine, con qualche nevicata.
Temperature per lo più in diminuzione. Sarà una giornata molto ventosa per correnti settentrionali più intense al Sud e sulle Isole Maggiori; i mari risulteranno anche molto agitati.