A causa del forte maltempo si sono scatenate mareggiate violente in Toscana. L'acqua del mare ha raggiunto i centro abitati e causato ingenti danni in diverse località, soprattutto da Livorno a Pisa, ma anche Piombino e l’isola d’Elba. Ecco tutte le ultime news e alcune immagini di quanto accaduto.

Mareggiate a Livorno: danni agli stabilimenti balneari

Violente mareggiate a Livorno hanno provocato danni ingentissimi ad alcuni storici stabilimenti balneari. I più colpiti sono i bagni Pancaldi Acquaviva, sul lungomare livornese. L'acqua del mare, spinta da venti fino a 110km/h, ha distrutto molte cabine in muratura e provocato danni enormi ai solai della piscina in cemento. Si contano numerose panchine divelte e interi pezzi di spallette in cemento e mattoni divorati dal mare. Ora che l'acqua si è ritirata la stima dei danni si aggira intorno al milione di euro.

Arrivato sul posto, il sindaco di Livorno, Luca Salvetti si è detto preoccupato per la frequenza e per l'intensità con cui questi fenomeni si stanno presentando. “Ieri abbiamo visto un’altra situazione che anche i più anziani dicono di non aver visto mai. Ora siamo a ragionare con i titolari degli stabilimenti balneari di ciò che è accaduto anche per testimoniarlo alla Regione e al governo, perché qui i fondi fino ad adesso stanziati prevedono danni per 20mila euro ma qui siamo in un altro mondo. E quindi andrà fatto un ragionamento serio per aiutare queste realtà”.

La Protezione Civile e il Sindaco stanno cercando di correre ai ripari e mettere in salvo il resto della città dalle mareggiate per evitare di dover chiudere strade al traffico. Così per proteggere la Terrazza Mascagni dagli allagamenti si pensa di erigere una barriera ad hoc. Occorre però iniziare a pensare al futuro e a soluzioni più stabili e capaci di portare a casa risultati migliori più di una semplice barriera frangiflutti.

Le conseguenze della forza del mare a Marina di Pisa e Viareggio

Cosa è accaduto a Marina di Pisa? Qui l'acqua del mare ha letteralmente invaso le strade. Le mareggiate e le raffiche di vento fino a 112km/h  hanno causato ingenti danni e i vigili del fuoco hanno ricevuto numerose chiamate.

Perfino a Viareggio si sono verificate diversi allagamenti. A straripare è stato anche il canale Burlamacca e si è giunti alla chiusura di via della Foce.